Eventi dell'isola d'Ischia
Festa di Santa Restituta
dal 15/05/2014 al 18/05/2014


La storia di Restituta d'Africa, la martire cristiana del III secolo d.C. che è la Stanta Patrona dell'isola d'Ischia da epoca immemorabile, è avvolta nella leggenda o nel mistero.

Restituta era una ragazza di Biserta, città nell'odierna Tunisa e si convertì al cattolicesimo subendo le persecuzioni dell'imperatore Diocleziano fino al martirio. Fu posta in una barca "carica di stoppa, intrisa di resina e di pece ed in essa lasciata bruciare" ma la barca non bruciò ed un Angelo portò la sua anima in cielo e le sue spoglie mortali lontano, molto lontano dalle coste africane fino ad approdare bella rada di San Montano nell'odierna Lacco Ameno nell'isola d'Ischia che allora si chiamava Aenaria. Un viaggio lunghissimo in pieno mese di maggio favorito dal vento di scirocco.

"Viveva in quel luogo una pia donna di nome Lucina ed a lei apparve in visione l'Angelo del Signore e le raccontò la storia del martirio di Restituta e le dette pure il mandato di recarsi a S. Montano, di raccogliere il corpo della martire e di seppellirlo con grande venerazione" così scrive Don Pasquale Polito nel suo libro "Lacco Ameno: il paese, la protettrice, il folclore" del 1963.

Lucina fece esattamente quello che le aveva detto l'Angelo. Seppellì Restituta nel luogo dove si radunavano i cristiani e cominciò a venerarla ed a diffonderne il culto.

I festeggiamenti cominciano il 16 Maggio e durano fino al 18 Maggio. L'arrivo della Santa nella rada di San Montano viene raprresentata ogni anno e duranti i tre giorni di festeggiamento l'isola è battuta dal vento di scirocco proveniente dall'Africa.

+ DETTAGLI
La festa di Sant'Antonio alla Mandra
dal 01/06/2014 al 13/06/2014

Comincia venerdì presso il convento dei frati minori di ischia la festa in onore di sant'antonio da padova; il 1° giugno avrà luogo la processione dal mare alle ore 18.30; l'imbarco della statua del santo avverrà presso il molo Miramare e Castello, lo sbarco nella baia del vecchio carcere; al rientro verrà celebrata la messa presieduta dal ministro provinciale padre Agostino Esposito.

+ DETTAGLI
Festa di San Vito
dal 14/06/2014 al 17/06/2014


Santo patrono del comune di Forio d'Ischia, Mercatino popolare e spettacoli pirotecnici

 

La venerazione di San Vito ha origini antichissime a Forio e già nel medioevo esisteva un tempietto nella plaga di Citara che fu poi trasferito, per maggior sicurezza a causa delle incursioni saracene ed in seguito ai frequenti eventi sismici cui era sottoposta l’isola, nell’attuale posizione elevata del “Casale di Forio”.

La coltura della vite e il suo ruolo fondamentale nell’economia foriana sono alla base della leggenda secondo cui, verso la metà del XIX secolo, mentre imperversava la terribile peronospora sull’isola e i Foriani soffrivano per la scarsità delle vendemmie, una nave siciliana, carica di zolfo approdò a Forio. I Siciliani sostennero di essere stati mandati a Forio, con il compito di distribuire lo zolfo e di curare le viti, da un fanciullo che aveva dato in pegno un anello. La fantasia popolare identificò in quel fanciullo San Vito. Certo è che i benefici della “cura” si videro immediatamente.

Anche i festeggiamenti in onore del Santo hanno radici secolari e, infatti, sembra che la prima processione per le vie del paese, di cui si ha memoria, risalga al lontano 1664. Fino al 1959 la festa, di carattere esclusivamente religioso, si effettuava nella prima o seconda settimana di agosto, fu poi sospesa per i lavori di ristrutturazione della chiesa e quando fu ripresa nel 1966 fu cambiata la data dei festeggiamenti e fu fissata al 15 giugno di ogni anno, assumendo così la caratteristica di “festa di paese” con bancarelle, musiche, e spettacoli di intrattenimento come tuttora avviene.

Quest’anno la festa si svolgerà dal 13 al 17 giugno e si articolerà nei seguenti momenti:

  • 13/06/2012: IV festival canoro “Palma d’argento di San Vito” che vedrà la partecipazione di artisti provenienti da ogni parte d’Italia.
  • 14/06/2012: prosieguo del IV festival
  • 15/06/2012: Processione via terra per le strade del paese. In serata rappresentazione teatrale “Miseria e Nobiltà” di E. Scarpetta
  • 16/06/2012: Processione via mare. Esibizione della Banda musicale “Giovanni XXIII Insieme per la musica” e spettacolo lirico sinfonico.
  • 17/06/2012: Fuochi d’artificio.
+ DETTAGLI
Festa di Sant'Anna
dal 22/07/2014 al 26/07/2014


Tradizionale festa con spettacolare sfilata di carri allegorici in mare, incendio del castello e spettacolo pirotecnico.

C’era una volta – ….la tradizione vuole che il 26 luglio, giorno della festa della Patrona delle partorienti, Sant’Anna, le puerpere andassero in processione fin sotto la chiesetta, posta sul lato ovest della baia del Castello di Ischia, proprio di fronte al sorgere del sole, sotto la mole della Torre.

Le donne che attendevano un bambino pregavano che tutto filasse liscio, le donne che non ne avevano chiedevano invece un regalo: la fertilità.Il corteo era fatto per lo più da barche dei pescatori che, per la particolare occasione addobbavano lo scafo con frasche e ghirlande di fiori.

Dagli anni ’30  la Festa assunse un carattere popolar folkloristico divenendo col tempo quella più suggestiva dell’isola per l’ambientazione e l’originalità delle sfilate di zattere addobbate nello specchio d’acqua antistante la chiesetta dedicata alla Santa.

Da allora la sfilata, nata per pura casualità e devozione alla Santa, diviene gara, per cui le barche, allegoricamente, rappresentanti episodi, storie, miti e personaggi legati all’isola d’Ischia, divengono veri e propri apparati teatrali.

La Festa a Mare agli Scogli di Sant'Anna culmina con fuochi di artificio ed uno spettacolare incendio del Castello Aragonese e si può affermare con assoluta convinzione che è uno degli appuntamenti più affascinanti dell’estate e della memoria ischitana

+ DETTAGLI